SICUREZZA. RAFFAELLI (LEGA): ANGELINI DIA I NUMERI CORRETTI, NON E’ PIU’ IL TEMPO DEGLI SLOGAN 

Ago 10, 2022

  • Condividi l'articolo
    Riccione, 10 agosto. “Basterebbe più onestà intellettuale. Inutile, tuttavia, chiederla a esponenti politici e amministratori del Pd. Il sindaco Daniela Angelini e il segretario piddino Alberto Arcangeli, intervenuto senza troppa convinzione in difesa della Giunta riccionese, si arrampicano sugli specchi ma la realtà è lì a smascherarli. Angelini, infatti, cita numeri facilmente contestabili: 204 pattuglie nel mese di luglio 2022 contro le 174 del 2021 nel turno di sera sono 30 pattuglie in più che sommati agli 8 turni di notte  in più rispetto al 2021 diventano 38 e non 49 come scrive Angelini. Nei fatti circa una pattuglia in più ogni sera. I numeri di Angelini sono buttati lì, senza contestualizzarli in un anno particolare come il 2021, con tempi e eventi differenti, come la ‘notte rosa’ che si svolse in agosto e non in luglio come quest’anno, con l’obbligo di concentrare le forze in quel periodo. A onor del vero inoltre  il nuovo questore ha disposto ordinanze su servizi congiunti già a partire dal mese di maggio- cosa che noi abbiamo chiesto con insistenza la scorsa estate per mettere in campo una forte azione preventiva.
    Così in una nota la parlamentare Elena Raffaelli, responsabile provinciale della Lega di Rimini.
    “Non risulta, tra l’altro, che ci siano variazioni rispetto al personale, come ha affermato Angelini. Evidentemente sono già state impiegate tutte le risorse a disposizione per gli straordinari, senza considerare che siamo a pochi giorni da ferragosto e in vista di una stagione turistica che si allunga fino alla fine di settembre con i vari eventi in programma. E non c’è solo questo: è chiaro che in questi mesi il sindaco non ha ancora imparato a distinguere correttamente le differenti competenze di Forze dell’Ordine e Polizia Locale. Tireremo tutti un sospiro di sollievo quando qualcuno le suggerirà quali sono i ruoli che svolgono. E’ infatti difficile un confronto tra chi di sicurezza non si è mai interessato se non per lanciare slogan come Angelini e un amministratore che per otto anni ha dovuto scontrarsi con vincoli normativi e di risorse che non consentono azioni d’urto, ma richiedono tempi lunghi. L’attuale sindaco ha una sola fortuna: poter contare su un Corpo di Polizia locale estremamente capace e responsabile, come ho potuto constatare in questi anni, guidato fino a luglio dall’ottimo comandante Achille Zechini, poi andato in pensione, che ringrazio per l’attività resa, che ha passato il testimone al valente vicecomandante Isotta Macini”.