Sport: Maxxi e Ics insieme per la valorizzazione della cultura

Set 22, 2022

  • Condividi l'articolo


    (ANSA) – ROMA, 22 SET – Maxxi e istituto per il credito
    sportivo
    insieme per la valorizzazione della cultura e
    la promozione dello sviluppo sostenibile. E’ il risultato del
    protocollo d’intesa firmato oggi a Roma dalla presidente della
    Fondazione Maxxi-Museo nazionale delle arti del XXI Secolo,
    Giovanna Melandri e dal presidente dell’Istituto per il Credito
    Sportivo, Andrea Abodi, con l’obiettivo di collaborare a
    progetti e operazioni strategici al fine di contribuire alla
    ripresa economica e sociale attraverso la valorizzazione delle
    attività culturali nel rispetto dei valori della sostenibilità e
    della vivibilità dell’ambiente urbano.
        Il Maxxi e l’Istituto per Credito Sportivo intendono così
    favorire la collaborazione, in coerenza e nei limiti delle
    proprie prerogative istituzionali, anche attraverso il
    portafoglio delle opportunità – prodotti finanziari e servizi di
    advisory – che Ics metterà a disposizione della Fondazione.
        La Convenzione, realizzata in tempi strettissimi grazie alla
    totale condivisione di intenti, prevede il supporto da parte
    dell’Ics ai piani di sviluppo della Fondazione Maxxi e alla sua
    intensa agenda culturale, finalizzata alla valorizzazione di un
    prezioso patrimonio materiale e immateriale. “La Convenzione
    tra l’Istituto per il Credito Sportivo e la Fondazione MAXXI –
    ha dichiarato Abodi – rappresenta un vero e proprio spartiacque,
    laddove la cultura inizia a essere percepita come effettivo e
    imprescindibile motore dell’economia sociale della città di Roma
    e dell’intera Nazione, come strumento concreto e utile al
    miglioramento della qualità di vita dei cittadini.
        “Sono particolarmente lieta di questo accordo – aggiunge
    Melandri – basato su valori comuni quali il sostegno alla
    cultura, la sperimentazione, la progettazione sostenibile e la
    rigenerazione urbana. In particolare, partendo proprio dal
    progetto “prototipo” di Bas Smets per Maxxi Green, insieme
    all’Istituto per il Credito Sportivo, sarà possibile favorire lo
    sviluppo della progettazione bioclimatica per migliorare il
    microclima, la sostenibilità e la vivibilità del quartiere
    Flaminio”. (ANSA).
       


    Fonte originale: Leggi ora la fonte