Rimini: latitante arrestato dai Carabinieri.

Mar 27, 2018

  • Condividi l'articolo

    Nel corso della mattinata di ieri lunedì 26 marzo, a Rimini, i Carabinieri del Nucleo Radiomobile della Compagnia di Rimini, impiegati nell’ambito del quotidiano servizio di controllo del territorio, hanno rintracciato e tratto in arresto, in ottemperanza ad un ordine di esecuzione per la carcerazione emesso dall’Ufficio Esecuzioni Penali della Procura della Repubblica presso il Tribunale di Rimini, T. V., cittadino albanese classe 1982, già noto alle forze dell’ordine per i suoi precedenti di polizia, latitante dal 2011. L’uomo deve scontare la pena detentiva di 4 anni, 9 mesi e 25 giorni di reclusione, oltre al pagamento di una multa di euro 31.000, poiché condannato, con sentenze passato in giudicato, per diversi episodi di spaccio di sostanze stupefacenti commessi a Rimini dal novembre 2006 al novembre 2010, fatti per i quali era stato tratto in arresto in flagranza in diverse occasioni dai Carabinieri della Compagnia di Riccione.

    Nello specifico, nel corso della mattinata di ieri i militari del Nucleo Radiomobile di Rimini hanno intimato l’alt ad una piccola utilitaria condotta dall’uomo il quale, però, ha accelerato tentando la fuga. Inseguito dagli operanti, l’uomo è stato fermato dopo pochi chilometri giustificandosi con un tanto banale quanto inverosimile “non vi avevo visti”. I successivi accertamenti hanno consentito di identificare compiutamente il soggetto, accertando la pendenza del provvedimento in questione sul suo conto. In particolare i Carabinieri acclaravano che lo stesso, già al regime della detenzione domiciliare in virtù dei numerosi arresti per spaccio, dal novembre 2010 si allontanava arbitrariamente dal proprio domicilio a Rimini rendendosi di fatto irreperibile e vendendo, pertanto, dichiarato latitante dal Tribunale.

    Condotto in caserma, l’uomo è stato tratto in arresto e, espletate le formalità di rito, è stato tradotto presso la casa circondariale di Rimini a disposizione dell’Autorità Giudiziaria.