RICCIONE. RENATA TOSI “UN’ALTRA RICCIONE E’ POSSIBILE”

Giu 9, 2017

  • Condividi l'articolo

    Dichiarazione-stampa di Renata Tosi Sindaco di Riccione dal giugno 2014 al febbraio 2017 e candidato sindaco della coalizione di centro-destra Forza Italia-Lega Nord-Fratelli d’Italia&Alleanza Nazionale-liste civiche collegate

    Tra gli argomenti affrontati e sui quali vorrei porre l’accento in queste ultime ore di campagna elettorale- afferma Renata Tosi – vorrei ricordare l’inceneritore, la sicurezza e il trc.

    Sull’ inceneritore mi preme sottolineare che siamo stati la prima amministrazione ad aver commissionato uno studio indipendente ad un’equipe di ricercatori universitari per effettuare una ricerca dettagliata sulle emissioni in aria, acqua e suolo e quindi sulla salute umana causate dall’impianto. Proprio in questi giorni sono in corso dei carotaggi, come avevamo detto nei mesi scorsi, per effettuare i rilevamenti richiesti nei pressi dell’impianto al fine di avere entro pochi giorni i primi risultati.

    E’ stata inoltre realizzata un’area verde a Raibano con nuove alberature attraverso i fondi disponibili derivanti dall’indennità di disagio ambientale ed è stata presentata richiesta all’Ausl per la creazione di un Registro Tumori della provincia di Rimini per la conoscenza dettagliata dello stato di salute della popolazione riminese compresi gli abitanti che vivono nella zona inceneritore.

    Sul versante della sicurezza siamo invece pronti ad aiutare e procedere nella realizzazione della nuova caserma dei Carabinieri individuata nell’area antistante l’ex sede Ausl in via Cortemaggiore. Sicurezza che al contempo significa anche presenza e buona manutenzione nei quartieri così come affiancare il privato in esperienze di riconversione di locali confiscati alla malavita, è il caso dell’ex night La Perla.

    Rimango attonita invece di fronte alle dichiarazioni di Sabrina Vescovi in merito alla volontà di proseguire il Trc dalla stazione di Riccione ai comuni di Misano e Cattolica. Si tratterebbe di una ulteriore devastazione per il territorio riccionese, la prosecuzione di un’opera che andrebbe a deturpare ulteriormente una città ferita seguendo solo logiche di scuderia dettate dal Pd.

    Adesso ci attende un’operazione di grande rilancio della nostra Comunità e dell’industria economica più importante: il turismo. Dopo la scossa che abbiamo dato alla città negli ultimi due anni riaccendendo una rinnovata energia tra i cittadini e gli operatori, ci aspetta un lavoro che , non mi stancherò mai di ripetere, merita di essere terminato.