Riccione. Il Pd chiede di alzare la guardia sull’ospedale: rischio di perdere servizi

Nov 22, 2017

  • Condividi l'articolo

    Il Partito democratico a fianco dell’ospedale Ceccarini presenta un ordine del giorno nel quale chiede al sindaco Renata Tosi «di innalzare il livello di attenzione politica». Questo perché il distretto Ausl «nella fase attuale di riorganizzazione, e, nell’ottica della razionalizzazione, ha già perso la struttura complessa di Anestesia e Rianimazione, la struttura complessa di Cardiologia, nonché la Fisiopatologia della riproduzione a Cattolica». E ancora: «Le priorità sulle quali occorre intervenire sono: Dea di 1° livello con i servizi che la legge nazionale e regionale prevede; Chirurgica ortopedica , traumatologica, specialistica della spalla e dell’arto superiore, oculistica, chirurgia generale e toracica; spostamento del laboratorio a risposta rapida, da predisporre al piano terra del Dea (progetto già esistente); Ristrutturazione radicale della Medicina d’Urgenza; area ex sale operatorie, con il trasferimento delle sale operatorie all’ultimo piano del Dea si è liberato un vasto spazio per contenere la Dermatologia e gli ambulatori di endoscopia, sia toracica che digestiva».