• Riccione. Il mondo della Caritas e non solo stretto alla famiglia di Giuseppe Rossi

    Condividi l'articolo

    Tanta gente commossa a dare l’ultimo saluto a Giuseppe Rossi E’ stato trovato morto, a 60 anni nel giardino della sua casa a Riccione, dove si era trasferito insieme alla moglie e ai tre figli, diversi anni fa. Sarebbe stato un infarto a stroncargli la vita. Giuseppe era un uono animato da una fede profonda e molto attivo nella parrocchia e nella Caritas di Riccione. Al funerale presenti esponenti del mondo politico, imprenditoriale e sociale della Repubblica ma soprattutto tanta gente che voleva a Giuseppe. Il sacerdote ha ricordato il suo impegno alla Caritas attraverso il quale riusciva a fornire i pasti anche di domenica, giorno in cui sarebbe rimasta chiusa per l’assenza di cuochi ma che invece ha continuato ad operare proprio per la disponibilità, anche economica, del sammarinese e la moglie. Tristezza comprensibile sui volti dei genitori ultraottantenni, che dopo la morte fulminea del suo gemello, hanno dovuto dire precocemente arrivederci anche a lui. Sicuramente Giuseppe mancherà a tutta la gente buona che si prodigava per il prossimo. Che fortunatamente a Riccione è tanta anche proprio grazie al lavoro e impegno della Caritas.