• Pugni, sputi e insulti su 17enne Video incastra i tre nordafricani

    Condividi l'articolo

    Il video choc su un autobus di Forlì: una baby gang di nordafricani picchia e sputa su un minorenne. Poi l’aggressione a un 17enne.

    Lesioni, violenza privata ed estorsione. Sono queste le accuse formulate dalla polizia di Forlì ai danni di una baby gang che si è accanita contro alcuni minorenni.

    Ad incastrarli un video (guarda qui) realizzato sul bus mentre picchiano e rubano il cellulare ad un ragazzo. I componenti della baby gang sono tutti di origine nordafricana: tre minorenni tra i 13 e 14 anni, autori delle aggressioni, e altri 2 ragazzi e 2 ragazze che hanno assistito divertiti senza intervenire.

    L’indagine della squadra Mobile scatta dopo la segnalazione di un giovane di 17 anni, il quale racconta di essere stato picchiato a calci e pugni da un gruppo di adolescenti. Vicino alla stazione ferroviaria, il giovane era stato avvicinato da uno di loro che, con tono minaccioso, gli aveva intimato – in lingua araba – di dargli un bacio sulla guancia. Quando il 17enne si era rifiutato, un altro componente della banda lo aveva colpito con ripetuti pugni in testa fino a farlo cadere in terra. Non solo. Perché il tutto sarebbe avvenuto subito dopo un’altra vile aggressione dei bulli: la banda aveva aggredito in un autobus un minorenne, non identificato, rubandogli il cellulare, insultandolo e riempiendolo di sputi. Il cellulare, scrive la Polizia in una nota, gli era stato riconsegnato “solo in cambio di alcune sigarette. Il tutto avveniva alla presenza del gruppo composto da circa 6-7 persone e senza che nessuno di loro prendesse le difese della vittima. Uno dei presenti aveva filmato l´aggressione con il telefonino e queste immagini sono state poi utilizzate dagli investigatori per identificare i responsabili”. Il Giornale.it