Perugia, accoltellati due giudici in tribunale: arrestato l’aggressore, un italiano 35enne di Spello

Set 25, 2017

  • Condividi l'articolo

    L’uomo sarebbe entrato nella stanza del tribunale di Perugia dove si trovava il giudice Francesca Altrui e l’avrebbe aggredita alle spalle con un coltello

    È stato arrestato l’aggressore che poco dopo mezzogiorno è entrato nella sezione civile del tribunale in piazza Matteotti a Perugia e ha ferito due giudici e un impiegato amministrativo.

     Secondo le prime ricostruzioni, l’uomo sarebbe entrato nella stanza della sezione Fallimentare dove si trovava il giudice Francesca Altrui e l’avrebbe aggredita alle spalle con un coltello. Il giudice Umberto Rana, capo facente funzioni del tribunale Civile, sentendo le urla della collega, avrebbe sfondato la porta e si sarebbe frapposto tra la donna e l’aggressore, venendo a sua volta colpito con una coltellata.Sul posto sono subito intervenute due ambulanze, le forze dell’ordine e il sindaco Andrea Romizi. I due magistrati e l’impiegato amministrativo sarebbero rimasti feriti solo lievemente e sono stati portati in ospedale. L’aggressore, Roberto Ferraci, 53enne di Spello, avrebbe utilizzato un coltello di 25 centrimenti. Non sono ancora chiari i motivi dell’aggressione nei confronti del giudice Altrui.

    I giudici del tribunale di Perugia hanno denunciato come nell’edificio non ci sia nessuna vigilanza. Sul posto anche il presidente del tribunale, Mario Vincenzo D’Aprile, che ha dichiarato: “per stavolta non c’è scappato il morto”.

    Il ministro Orlando

    Il ministro della Giustizia Andrea Orlando ha disposto verifiche sui sistemi di sicurezza del tribunale. “Non appena ho appreso la notizia del ferimento di due magistrati ho immediatamente espresso la mia solidarietà ai due funzionari dello Stato colpiti – ha fatto sapere il ministro dalla Cina -. Ho inoltre già chiesto che siano subito svolte le necessarie verifiche per comprendere l’esatta dinamica dei fatti ed accertare le falle nel sistema di sicurezza”