Nato, flat tax e sicurezza. Ecco il programma per l’Italia

Ago 12, 2022

  • Condividi l'articolo


    «Per l’Italia. Accordo quadro di programma per un governo di centrodestra». È questo il nome del manifesto in 15 punti con cui il centrodestra unito si presenta agli italiani. Un biglietto da visita dettagliato approvato da Giorgia Meloni, Silvio Berlusconi e Matteo Salvini. La notizia della chiusura dell’accordo arriva nel tardo pomeriggio: «I leader hanno dato il via libera a un programma concreto e realizzabile, incentrato sulla difesa dell’interesse nazionale, sulla crescita e sulla difesa del potere d’acquisto delle famiglie. Vengono ribaditi i nostri valori e la nostra collocazione in Europa, nell’Alleanza Atlantica e tutti gli elementi indispensabili per affrontare un rilancio che non può più essere rinviato. Dalla realizzazione delle infrastrutture strategiche alle riforme istituzionali, della giustizia e della PA, passando, ovviamente per la necessità di impostare sin da subito un fisco più equo».

    L’ALLEANZA ATLANTICA

    «L’Italia – si legge – aderisce al processo di integrazione europea», ma «tutela gli interessi nazionali» a Bruxelles «con particolare attenzione alla transizione ecologica». C’è poi la conferma della fedeltà alla Nato. E poi un passaggio chiarissimo sul «sostegno all’Ucraina di fronte all’invasione militare russa».

    INFRASTRUTTURE STRATEGICHE

    Pieno utilizzo delle risorse del Pnrr. Potenziamento dell’alta velocità, «realizzando il ponte sullo Stretto».

    RIFORME ISTITUZIONALI E DELLA GIUSTIZIA

    C’è la riforma dello Stato in chiave presidenzialista. Ma anche il riferimento all’autonomia di Veneto e Lombardia. C’è il capitolo giustizia. Si chiede la separazione delle carriere e la riforma del Csm, la riduzione dei tempi dei processi e la semplificazione delle procedure.

    PER UN FISCO EQUO

    Prevista l’estensione della flat tax per le partite Iva fino a 100mila euro di fatturato e flat tax «su incremento di reddito rispetto alle annualità precedenti No a patrimoniali. Pace fiscale e saldo e stralcio con un accordo per la risoluzione del pregresso.

    SOSTEGNO ALLA FAMIGLIA E ALLA NATALITA’

    Il quinto punto propone l’allineamento alla media europea della spesa pubblica per infanzia e famiglia; asili nido gratuiti; quoziente familiare; sostegno concreto alle famiglie con disabili.

    SICUREZZA

    Rilancio dei decreti sicurezza; adeguamento dell’organico delle Forze dell’Ordine, poliziotto di quartiere

    TUTELA DELLA SALUTE

    Lega, Forza Italia e FdI puntano sulla medicina di prossimità. Sull’abbattimento delle liste d’attesa e su un contrasto al Covid senza compressione delle libertà.

    DIFESA DEL LAVORO, DELL’IMPRESA E DELL’ECONOMIA

    Sul lavoro è previsto il «taglio del cuneo fiscale in favore di imprese e lavoratori». Via libera all’azzeramento dell’Iva sui beni di prima necessità come il pane, la pasta o il latte.

    STATO SOCIALE

    Stop al reddito di cittadinanza sostituito da misure più efficaci Innalzamento delle pensioni minime.

    L’AUTOSUFFICIENZA ENERGETICA

    Il centrodestra valuta il ricorso al nucleare pulito e sicuro. E poi riattivazione dei pozzi di gas naturale in un’ottica di utilizzo sostenibile delle fonti.

    L’AMBIENTE, UNA PRIORITA’

    Promozione dell’economia circolare. Piano straordinario per la tutela delle acque marittime. Piantumazione di alberi sull’intero territorio nazionale.

    SCUOLA, UNIVERSITA’ E RICERCA

    L’obiettivo è l’allineamento ai parametri dell’Europa degli investimenti nella ricerca e sul rafforzamento dei corsi universitari per le professioni STEM (scienza, tecnologia, ingegneria e matematica). Senza dimenticare il riconoscimento della libertà di scelta educativa attraverso il buono Scuola.

    GIOVANI, SPORT E SOCIALE

    Il centrodestra vuole lavorare sulla reintroduzione del prestito d’onore e sul potenziamento dell’impiantistica. Infine vuole dare un sostegno anche alle start up tecnologiche.


    Fonte originale: Leggi ora la fonte