• Liberty Media ‘inaccettabile interferenza da presidente Fia’

    Condividi l'articolo


    (ANSA) – ROMA, 24 GEN – La Formula 1 e Liberty Media hanno
    reagito con fermezza al commento fatto ieri sui social dal
    presidente della Fia, Mohammed Ben Sulayem, riguardo all’offerta
    da 20 miliardi di dollari che un fondo di investimenti
    dell’Arabia Saudita avrebbe fatto alla stessa Liberty Media per
    rilevare i diritti sul circus.
        Ben Sulayem, a loro giudizio, avrebbe “oltrepassato i limiti
    del suo mandato” interferendo con i loro diritti “in modo
    inaccettabile”, esprimendo preoccupazione per il fatto che certe
    valutazioni “gonfiate oltremisura” rispetto al reale valore
    rischierebbero di avere un inevitabile effetto domino con un
    generalizzato aumento dei costi per tutti i protagonisti,
    finendo poi a pesare inevitabilmente sugli appassionati.
        I responsabili legali di Formula 1 e Liberty Media, Sacha
    Woodward Hill e Renee Wilm, hanno inviato una lettera alla Fia e
    al Consiglio mondiale motorsport, in cui sottolineano che la
    Formula 1 ha “il diritto esclusivo di sfruttare i diritti
    commerciali del campionato” e che la Fia “si è impegnata a non
    fare nulla che possa pregiudicare la proprietà, la gestione e/o
    lo sfruttamento di tali diritti”. Infine, affermano che “nella
    misura in cui certi commenti danneggiano il valore di Liberty
    Media Corporation, la Fia potrebbe essere ritenuta
    responsabile”. (ANSA).
       


    Fonte originale: Leggi ora la fonte