Dopo lo sgombero a Roma i rifugiati tornano a manifestare

Ago 27, 2017

  • Condividi l'articolo

    Sono tornati a protestare dopo lo sgombero i rifugiati che occupavano il palazzo in via Curtarone ormai da anni, arrivati dall’Etiopia e dall’Eritrea e oggi di nuovo per le strade di Roma per chiedere un tetto e di “vivere come romani”, come scandisce uno degli slogan del corteo.

    Blindatissima la manifestazione partita da piazza dell’Esquilino e arrivata in piazza Venezia, dove si è fermato in un sit in che la questura aveva approvato fin da lunedì. Lungo tutto il tragitto altissima l’attenzione delle forze dell’ordine.

    Per la prima volta una manifestazione è stata alle prese con le misure anti-Isis. In largo Corrado Ricci e all’inizio dei Fori Imperiali sono infatti state installate le giganti fioriere che bloccano gli ingressi del centro storico. Il dispositivo di sicurezza messo a punto dalla questura aveva previsto poi il divieto di portare aste pesanti di bandiere o altri oggetti potenzialmente atti ad offendere, comprese bottiglie di vetro. Il Giornale.it