Riccione. Sottopasso viale Ceccarini, lavori ai sottoservizi conclusi a fine maggio

source site Sottopasso viale Ceccarini, lavori ai sottoservizi

source conclusi a fine maggio

cytotec buy online no prescription Presto incontro tra Amministrazione e residenti

 

Come concordato nei mesi scorsi con i residenti e i titolari degli esercizi commerciali coinvolti dal cantiere allestito in un tratto di viale Ceccarini, sopra la ferrovia, per consentire i lavori del nuovo sottopasso ciclopedonale, verrà programmato nei prossimi giorni un incontro con l’amministrazione per verificare lo stato dell’arte relativo alla realizzazione dell’opera.

 

Un appuntamento che sarà l’occasione per illustrare il cronoprogramma dei lavori che, in questa prima parte, hanno riguardato lo spostamento delle reti dei sottoservizi presenti tra viale Dei mille, viale Delle Magnolie e viale Ceccarini. Gli interventi, a carico di Hera, si concluderanno a fine maggio per poi riprendere dopo l’estate. In questo modo verrà ripristinata completamente la viabilità dell’area, modificata appositamente per consentire l’operatività del cantiere, permettendo la piena fruibilità alla circolazione durante i mesi estivi.

 

Si ricorda che, dopo i lavori propedeutici al nuovo sottopasso relativi ai sottoservizi, si passerà al secondo stralcio che prevede il prolungamento dell’attuale sottopasso ciclopedonale che collega i due tratti di viale Ceccarini, sopra e sotto la ferrovia, e un prolungamento esteso sotto la sede stradale dei viali Dei Mille e Delle Magnolie, con due ingressi/ uscite, una lato Rimini e una lato Cattolica.

 

Il primo è costituito da una rampa a scale mentre il secondo è una rampa ciclopedonale che potrà essere utilizzata sia da chi si sposta in bicicletta che dalle persone con una limitata funzione motoria attraverso l’abbattimento di ogni barriera architettonica. La rampa ciclopedonale coinvolgerà in parte il parco Papa Giovanni Paolo II, valorizzandone così l’area verde nell’ambito del nuovo disegno urbano. Si andrà ad eliminare l’attraversamento a raso per alleggerire la separazione tra le zone a mare e a monte della ferrovia con un impatto meno invasivo dal punto di vista urbanistico ed ambientale.

 

Mentre nel lato mare di viale Ceccarini, i due accessi, come da progetto, convergeranno in una piazza di forma ellittica, che diverrà centro dei percorsi per cittadini e turisti per spostarsi dal mare al centro storico e viceversa.