Riccione. Sequestrata dai figli: liberata dai carabinieri

Tutto è partito da un mancato pagamento di un albergo di Rimini. E una vettura con appeso alla portiera tra l’abitacolo e l’asfalto, una persona di colore. Sui sedili posteriori è stata trovata una donna bloccata da due uomini.Portati in caserma, si è così potuto ricostruire il sequestro di persona lampo. La donna, una 45enne in vacanza col compagno keniota 34enne, era stata rapita dai figli e dal dipendente della ditta di cui era intestataria. Al centro della vicenda interessi economici per la conduzione dell’azienda di famiglia situata nel milanese. In manette a rispondere della pesante accusa di sequestro di persona aggravato in concorso, sono stati un dipendente dell’azienda di famiglia 49enne e i due figli della donna, un 28enne e un 31enne.