Riccione. Sabato 30 giugno e domenica 1 luglio allo Stadio di Nuoto di Riccione

Sabato 30 giugno e domenica 1 luglio allo Stadio di Nuoto di Riccione tornano i tuffi della FIN con le finali del “Trofeo Giovanissimi” Esordienti C2 e C3
Per la Polisportiva Riccione qualificati tre atleti: Ilaria Cambria, Nicolas Lodeserto (C2) e Nicolò Mussoni (C3)

Il responsabile della sezione tuffi, Giorgio Gori: “Per la FIN Riccione è casa: nuoto, salvamento, fondo, syncro e ora tornano i tuffi. Per tutta la città un vanto e un grande volano per il turismo”

Il direttore tecnico Alicia Carretero: “Tutti e tre possono giocarsela per un posto di primo piano. Aspettiamo tanta gente a tifare per loro”

I piccoli talenti italiani dei tuffi si sfidano sabato 30 giugno e domenica 1 luglio allo Stadio del Nuoto di Riccione nelle finali del “Trofeo Giovanissimi” Esordienti C2 e C3 della Federazione Italiana Nuoto. Sui trampolini riccionesi, atleti nati negli anni 2007 e 2008 (C2) e 2009 e 2010 (C3). I tuffatori ammessi a queste finali nazionali sono 12 per specialità nella categoria C2 (trampolino da un metro, trampolino da 3 metri e piattaforma da 5 metri) e 8 per specialità nella categoria C3 (trampolino da un metro e trampolino da 3 metri), qualificati grazie alla somma dei punteggi conseguiti da ciascun atleta nelle due prove eliminatorie degli scorsi mesi.

La Polisportiva Riccione a queste finali nazionali da disputare in casa, schiererà tre atleti. Ilaria Cambria (C2, classe 2007) in tutte le specialità: trampolino da un metro, trampolino da 3 metri e piattaforma da 5 metri, Nicolas Lodeserto (C2, classe 2008) nel trampolino da 3 metri e nella piattaforma da 5 metri, Nicolò Mussoni (C3, classe 2009) nel trampolino da un metro e nel trampolino da 3 metri.

In queste due giornate piscine aperte al pubblico (vasca da 50 metri e da 34 metri esterne). Ingresso libero sulle tribune.

“A livello tecnico i nostri atleti possono giocarsela per un posto di primo piano – dice la responsabile della sezione Tuffi della Polisportiva Riccione, Alicia Carretero -. Tutti stanno migliorando a vista d’occhio sotto ogni aspetto, compreso quello fondamentale della concentrazione negli allenamenti. Sarà importantissimo anche l’apporto del pubblico: abbiamo la fortuna di ‘giocare in casa’ e chiamiamo il tutti gli appassionati e i curiosi di questo emozionante sport a sostenere i nostri ragazzi dalle tribune dello Stadio del Nuoto”.

“I tuffatori agonisti della Federazione Italiana Nuoto tornano a Riccione dopo 5 anni – spiega Giorgio Gori, vicepresidente della Polisportiva Riccione e responsabile della sezione tuffi -. In collaborazione con la FIN abbiamo rinnovato la torre dei tuffi con nuovi tappeti e nuove tavole. Siamo pronti e speriamo che questo appuntamento con le finali nazionali Esordienti sia il prologo per altre manifestazioni federali di tuffi. Per la Federnuoto Riccione è casa: qui si svolgono tutti le maggiori gare nazionali delle varie specialità, dal nuoto al salvamento, dal fondo al syncro e per tutta la città è un vanto e un grande volano per il turismo. Nei tuffi, oltre all’amicizia e alla stima che ci lega da sempre a Giorgio Cagnotto e Klaus Dibiasi, possiamo anche dire che Riccione è stato il primo palcoscenico calcato dalla campionessa Tania Cagnotto, che a 11 anni è salita sul trampolino di Riccione per la sua prima finale Esordienti C2. Che sia di buon auspicio per tutti i giovani in gara”.