Riccione. Grandi soddisfazioni per il Centro Karate Riccione all’Open Internazionale di Croazia

Grandi soddisfazioni per il Centro Karate Riccione all’Open Internazionale di Croazia
La squadra Cadetti con Chiara Bacchini, Sofia Cherubini e Maria Chiara Concetti conquista una sorprendente medaglia d’oro
Matilde Galassi si mette al collo l’argento Junior che dimostra di aver superato la convalescenza

Il Centro Karate Riccione, unica società di karate della Perla Verde che partecipa a gare nazionali ed internazionali della Wkf e della Fijlkam, uniche Federazioni accreditate dal Coni, ha lasciato il proprio marchio anche all’Open Internazionale di Croazia che si è svolta a Fiume. Nel moderno palazzetto di Rijeka, oltre alla nazionale italiana, erano presenti le rappresentative di tutti i Paesi dell’Est europeo di Kata e Kumite. Un test importante e difficile che il responsabile tecnico del CKR, Riccardo Salvatori, aveva scelto per testare la competitività dei propri atleti.

Per Matilde Galassi, arrivava dalla convalescenza di una operazione alle tonsille che l’aveva limitata durante tutto il fine stagione scorso, era il primo vero appuntamento per capire se è sulla strada del recupero definitivo. Matilde ha iniziato in sordina nella categoria Junior, preoccupata e tesa. Man mano che passava i turni però aumentava la consapevolezza e la sicurezza nei propri mezzi. In un’escalation di prestazioni in crescendo è arrivata alla finale per l’oro dove ha incontrato la compagna di nazionale Sara Soldano. L’incontro è stato inebriante. Matilde ha sfoderato una prestazione maiuscola ai più sembrata vincente senza ombra di dubbio. L’esito della cinquina arbitrale però la vedeva soccombere per 3 a 2 tra lo stupore generale. Argento al collo per “super Maty” ma con la certezza di essere tornata alla grande sulla scena internazionale.

Nel Kata Team a squadre Cadetti invece ecco la sorpresa che non ti aspetti. Capitanate da Chiara Bacchini, Sofia Cherubini e Maria Chiara Concetti hanno centrato un oro straordinario. Dopo aver annientato la nazionale croata e la rappresentativa veneta (5 a 0), volavano in finale contro la nazionale ufficiale slovacca. Per niente intimorite le “Ninja” riccionesi hanno aggredito il tatami e con un bunkaj (applicazione delle tecniche) emozionante sono riuscite nel difficile compito di ribaltare il pronostico. Al verdetto di 3 a 2 è esplosa la felicità delle atlete e dei genitori al seguito. Un risultato che dà slancio ad una squadra in crescita e che in futuro ci regalerà tante gioie.

Ottimo risultato anche per la riminese dell’Esercito Lisa Pivi che centra il bronzo nei Senior femminili perdendo solo la finale di pole.