Riccione. CI STIAMO LAVORANDO: PROGETTO A SOSTEGNO DELLE PERSONE A RISCHIO DI ESCLUSIONE SOCIALE!

È partito ormai da 5 mesi fa il progetto finanziato dalla Regione Emilia-Romagna e promosso da Organizzazioni di volontariato e Associazioni di promozione sociale, tutte con sede nel Distretto di Riccione. Tra queste: Associazione Madonna del Mare (Caritas Interparrocchiale di Riccione), Associazione di volontariato S. Michele Arcangelo (Caritas Interparrocchiale di Morciano), Associazione S. Pio V (Caritas Parrocchiale di Cattolica), Associazione Madonna della Carità, Associazione Arcobaleno, Aps Io Centro, Associazione Davide Pacassoni, Aps Ali di Farfalle, Aps Noi del Campanone e Confraternita di Misericordia di Valconca.
Il progetto ha la finalità di fornire una risposta alle persone che sono a rischio di esclusione sociale, con una attenzione particolare ai giovani che non sono né occupati né inseriti in un percorso di istruzione (cd. NEET) e ai soggetti con disabilità, proprio come indicato tra le aree di intervento definite dalla Regione Emilia- Romagna e riprese a livello locale dall’Ufficio di Piano di Riccione.
A distanza di 5 mesi, le azioni progettuali delle associazioni partner sono state costanti e si è potuto rilevare che:
-n.54 persone si sono presentate agli sportelli dedicati per richiedere il loro inserimento nella banca dati del progetto “Fondo per il Lavoro” della Caritas di Rimini e dell’Associazione Madonna della Carità;
-n.4 nuove aziende si sono convenzionate per poter accedere ai contributi economici donati a fondo perduto a fronte di un’assunzione di una persona iscritta in banca dati;
– n.2 persone hanno ottenuto un regolare contratto di lavoro tramite Il progetto;
– sono stati attivati n.3 percorsi di avviamento al lavoro per ragazzi con disabilità seguiti dall’Associazione Io Centro di Misano Adriatico;
– sono stati avviati n.2 percorsi di alternanza scuola-lavoro attraverso l’Associazione Davide Pacassoni di San Giovanni in Marignano;
– oltre 10 le persone che quotidianamente vengono accompagnate agli sportelli sociali e di orientamento al lavoro dagli operatori dell’Associazione di promozione Sociale Noi del Campone di Montescudo-Montecolombo.
Questa progettualità, fortemente voluta dalle Associazioni che vi partecipano, è inoltre sostenuta da circa 90 volontari che sostengono le stesse e offrono il loro tempo al servizio delle persone con fragilità.
Purtroppo, il problema della mancanza del lavoro si è aggravatosi nell’ultimo decennio come conseguenza delle mutate condizioni nazionali e internazionali, sommandosi ad altre numerose problematiche (problemi abitativi, familiari, di salute), favorendo situazioni di marginalità sociale. L’ elemento che unisce tutte le realtà coinvolte è la voglia di donare del tempo all’ascolto verso l’altro, promuovendo l’accoglienza delle storie delle persone in difficoltà, sia attraverso i centri d’ascolto delle Caritas coinvolte sia attraverso gli sportelli delle altre associazioni partner del progetto.
Le Associazioni vogliono rivolgere un ulteriore richiamo: alle aziende, per sensibilizzarle e incentivarle ad assumere persone con fragilità (incluse quelle con disabilità), ottenendo contributi economici; alla cittadinanza, per segnalare situazioni particolari di marginalità o segnalare aziende che sono alla ricerca di personale; e poi ancora ai giovani, alle associazioni di categoria, alle banche, agli enti filantropici, ai privati e a ciascuno di noi, per alimentare costantemente quel sentimento di solidarietà a volte soppiantato da egoismo, competitività e sentimenti negativi.
Per ulteriori informazioni, si allega il depliant informativo con i contatti.
Antonella Mancuso
Coordinatrice Caritas Distretto di Riccione
Per Caritas Diocesana di Rimini