Misano. Il sindaco Giannini “svela” i retroscena della lista di Claudio Cecchetto

Perché sono soddisfazioni? Qualcuno dice che aveva troppi sottintesi un mio post ironico di ieri (leggi il link sotto) con cui commentavo le elezioni comunali da fuori (per cui da libero e leggero). Ecco allora la versione nuda: il divertimento parte da un post di Luigi Guagneli di qualche settimana fa che dice: “Incoerenza: discrepanza tra pensiero e azione”. Troppo bello, da sbellicarsi dalle risate e vi spiego; però prima vi racconto l’antefatto: il sindaco Renata Tosi, come già fece, perdendo, per le elezioni Provinciali (e qui è stata la prima soddisfazione, allora come segretario Pd), cullava da mesi l’idea che a Misano ci fosse la sfida al centrosinistra da parte di una sola lista di centrodestra, confidando che la lista 5 stelle non venisse autorizzata dai vertici. C’era già il nome della lista “Noi misanesi” e la pagina fb. Invece i 5 stelle locali ne hanno fatto un punto di orgoglio e l’hanno spuntata: al voto ci saranno (altra soddisfazione, perchè se lo meritano per l’impegno). Nella confusione che ne è seguita (ancora soddisfazione) Veronica Pontis, che aspirava di essere candidata dei 5 stelle, nel giro di qualche giorno si è trovata candidata della Lega, senza però Fratelli d’Italia che ha invece ufficialmente appoggiato Cecchetto. L’ottimo Claudio è pure appoggiato ufficialmente da Patto Civico di Riccione, guidato dall’on. Pizzolante di Riccione, in una lista coordinata dall’ex Vicesindaco di Forza Italia di Riccione Tirincanti (quanti riccionesi, oltre alla Tosi, che amano Misano); Tirincanti ha raccolto tra le sue fila Guagneli, il campione dell’ortodossia della “Ditta” di dalemiana memoria, quello che su Cecchetto scriveva “vogliamo un chiarimento immediato con tanto di pezze giustificative delle spese sostenute” dall’amministrazione per le prestazioni di Cecchetto; quello che “mai e poi mai con Patto civico” e che “Pizzolante non lo voterò mai e poi mai”. Il bello è che Guagneli fino a qualche settimana fa lavorava ad una lista extrarossa di “duri e puri” e vederlo, improvvisamente illuminato sulla via di Damasco, apprezzare il “talento” di Cecchetto (che lui detestava e mentre io l’ho voluto a Misano come artista, che però è cosa ben diversa da Sindaco) e fare un accordo con i civici di centro (che lui detestava mentre io ho sempre auspicato l’accordo con i civici) è una soddisfazione che non vi dico. In fondo è come se mi avesse dato pubblicamente ragione su tutta la linea, chissà quanto gli sarà costato. Queste si che sono grandi soddisfazioni.
Però Guagneli, il nostro ex campione dell’ortodossia dura e pura, neanche fosse diventato un pasdaran postrenziano, è andato anche “Oltre”(giusto per stare in tema riccionese). Infatti la lista oltre a essere coordinata dall’ex vicesindaco di Forza Italia di Riccione Tirincanti (che, vincendo, immagino vorrebbe diventare il prosindaco nostrano) ha il sostegno formale e ufficiale dei “Fratelli d’Italia, con tanto di benedizione da parte di Giorgia Meloni. Ecco qui sembrerebbe sfuggire il nesso con quel post di qualche settimana fa “Incoerenza: discrepanza tra pensiero e azione”; ma, non so perchè, mi sto ugualmente sbellicando dalle risate.
Voterò con grande soddisfazione per Fabrizio Piccioni

Stefano Giannini