Misano. Biblioteca illuminata 2019: primo appuntamento con Vito Mancuso

Aprirà la rassegna Martedì 2 Luglio il teologo Vito Mancuso, con una serata dal titolo “La via della bellezza”, andando al cuore della questione: di quale bellezza parliamo e perché è importante che l’uomo la salvi? C’è una bellezza legata all’essere e al condividere, alla dimensione fraterna dell’esistere che è candore, grazia, gratuità. Questa potenza sorgiva, le cui fonti Mancuso individua nella natura, nell’uomo e nell’arte, è l’armonia che ha fatto il mondo e lo va facendo minuto dopo minuto. Quando l’uomo fa esperienza di tale armonia libera la sua energia più preziosa a cui tradizionalmente ci si riferisce con la parola anima. La bellezza dunque è salvifica perché contiene una spiritualità omeopatica che fa sì che la salvezza scaturisca da dentro di noi, dall’accordo tra noi e il mondo, senza richiedere l’intervento di un principio attivo esterno. Dobbiamo andare verso il bene non per costrizione ma per fascinazione, perché se non facciamo un salto di qualità diventando più spirituali, più veri, insomma più belli e umanamente migliori, le nostre esistenze diventeranno un’odissea senza Itaca, perse nell’inquietudine e nella violenza. Il nutrimento della bellezza libera dalle ristrettezze e dalle paure, da tutto quel magma incandescente denominato ego. La bellezza così intesa è la via, una pratica di vita: aderire ad essa salva quel piccolo pezzo di mondo che è ognuno di noi.