Divorzio tra Richetti e Pd finisce in tribunale: “Ci deve 150mila euro”

Il motivo di una separazione così difficile è stato il mancato versamento di contributi alla federazione Pd di Modena, per la campagna elettorale. Ma, secondo quanto riporta Repubblica, la cifra lamentata dal segretario dem locale sarebbe molto più alta e toccherebbe i 175mila euro.

Lo scorso martedì, Richetti in aula si è astenuto durante il voto di fiducia, ribadendo il suo disaccorto al governo Conte bis, sottolineando l’inoerenza del proprio partito, nel scendere a patti con i 5 Stelle. Ma, la sua uscita dal partito ha lasciato dietro di sé malumori e questioni economiche irrisolte da lungo tempo. “Chi viene candidato, si impegna con una scrittura privata a versare un contributo di 25 mila euro al Pd di Modena in un’ unica soluzione– ha spiegato il legale del segretario del Pd modenese- Richetti è stato sollecitato dal Pd e da me, ma non ha pagato“. Eppure, l’ex dem era stato eletto il 4 marzo 2018. Allora, al segretario della sede di Modena non è rimasto altro da fare se non presentare ricorso in tribunale: “Così si è arrivati al decreto di ingiunzione di pagamento“.

D’altra parte, Richietti commenta le accuse con “tristezza”, sostenendo di aver versato già quasi metà dell’importo dovuto (12.500 euro). Poi specifica: “La somma è relativa a 5 anni di legislatura e anche se non la terminerò nel Pd sono pronto a versare la restante parte, come ho sempre fatto. Che questo venga usato per sporcare una decisione sofferta, presa per coerenza, la dice lunga sullo stato di salute del Pd“.

Ma, a Modena sostengono che Richetti non sia in regola con la somma da versare: dal 2013, infatti, l’ex dem avrebbe versato poco più di 20 mila euro, mentre i suoi colleghi “hanno versato nello stesso periodo circa 185 mila euro, più i contributi per la campagna. Sono cifre stabilite in un regolamento interno, valuteremo come proseguire eventualmente le azioni legali“. Il Giornale.it