Coriano. VERSO UNA CASA DELLA SALUTE SICURA E INNOVATIVA PER CORIANO

VERSO UNA CASA DELLA SALUTE SICURA E INNOVATIVA PER CORIANO

 

Arriva in Consiglio Comunale la proposta di delibera per il riconoscimento dell’interesse pubblico al rilascio di un permesso di costruire in deroga richiesto dalla Soc. Immobiliare Flaminia Srl finalizzato all’insediamento di una nuova struttura di assistenza sanitaria in regime ambulatoriale gestito dall’AUSL.

 

Si tratta della cosiddetta Casa della Salute, attualmente ospitata presso lo stabile di proprietà comunale di via della Pace a Coriano che potrà essere quindi trasferita in un immobile specificamente attrezzato e più confacente alle esigenze dell’Azienda Sanitaria Locale.

 

L’intervento all’esame del Consiglio risponde all’interesse pubblico in quanto consente:

 

  • di confermare la presenza della Casa della Salute nel territorio comunale, di cui si paventa da tempo la dismissione per la scarsa idoneità dello stabile che attualmente ospita tale funzione;

  • di incrementare la qualità dei servizi socio-assistenziali offerti alla popolazione, in quanto l’immobile ove si prevede il trasferimento sarà certamente dotato di maggiori requisiti igienico-sanitari, strutturali ed impiantistici;

  • di individuare un servizio in posizione strategica rispetto all’utenza proveniente anche dai comuni limitrofi;

 

Domenica Spinelli (sindaco di Coriano e assessorre all’urbanistica): ”Questa richiesta di deroga, su cui il Consiglio Comunale dovrà esprimere il proprio nulla-osta, verte sui seguenti aspetti tecnici: l’incremento di superficie utile (a parità di volume costruito), il cambio di destinazione d’uso e la distanza dai confini di una scala di sicurezza. In commissione consiliare la minoranza ha votato contro e questo ci dispiace perché a conclusione dell’iter, nel rispetto delle norme e delle prescrizioni richieste dall’ente , i 10500 cittadini usufruiranno, con la realizzazione della nuova Casa della salute,  di un presidio sicuro, innovativo e all’avanguardia, che permetterà la continuità dei servizi e la possibilità di introduzione di nuovi da parte di AUSL”