Coriano. Le scuole al primo posto. Parla il sindaco Spinelli

La scuola è contenuto più che contenitore. Ma anche il contenitore conta e conta parecchio. Troppe volte abbiamo visto in giro per l’Italia come l’indifferenza per la sicurezza delle scuole sia sfociata in tragedie che si dovevano e si potevano evitare. E qui è importante il buon senso ma anche la lungimiranza perché è più facile concentrare lo sguardo sul presente anziché provare a progettare il futuro. Ne abbiamo parlato con il sindaco di Coriano Domenica Spinelli che ci ha risposto dalla Sardegna.

In una società dello spettacolo in cui tutto è intrattenimento, in cui tutto parla alla pancia è vitale salvare quei pochi luoghi in cui si può sviluppare una conoscenza critica e razionale del reale. Mi sembra che su questo a Coriano si abbiano le idee piuttosto chiare.

L’attenzione all’edilizia scolastica, dapprima sul tema sicurezza e poi anche dal punto di vista estetico e funzionale, è sempre stata al centro delle nostre scelte. I servizi alle nuove generazioni sono fondamentali e sempre più difficili da mantenere economicamente viste le particolari difficoltà che i Comuni devono affrontare in termini di bilanci risicati ma questo non ci fa desistere dall’immaginare un futuro di Coriano sempre più a portata delle famiglie.

Ha introdotto nella sua risposta il tema della bellezza. Un tema troppe volte sottovalutato visto che a scuola di bellezza si parla sempre e soltanto a parole.

Sì, è proprio ciò che intendevo visto che quel che più conta in fatto di educazione è dare l’esempio. Se diciamo agli studenti che devono avere a cuore la casa comune, che la scuola è importante, che la bellezza deve far parte di loro è necessario che le strutture che li ospitano siano all’altezza dei contenuti.  Pretendiamo che diano importanza alla scuola? Noi per primi dobbiamo dare l’esempio e destinare ad essa le risorse perché sia migliore.

Di risorse in questi anni alla scuola ne sono state destinate parecchie.

Sì, circa 800mila euro senza contare i 120mila spesi quest’anno per i lavori di ordinaria manutenzione. E prevediamo di fare altri lavori, per circa 400mila euro entro la fine del 2017. In questo momento per esempio sono iniziati i lavori di posa della tettoia all’ingresso della scuola elementare di Ospedaletto ed è aperto il cantiere della scuola media per il ripristino degli intonaci esterni e la ritinteggiatura dell’intera struttura, interventi che si concluderanno prima dell’apertura dell’anno scolastico con un costo di circa 130mila euro. In seguito si procederà anche alla copertura della scuola dell’infanzia di Ospedaletto e al rifacimento delle facciate esterne della scuola dell’infanzia di Cerasolo. Il progetto prevede la sistemazione dei camminamenti esterni di entrambi i plessi e il ripristino della tensostruttura della scuola elementare di Ospedaletto.

E’ proprio il caso di dire che ciascuno di questi progetti sorge sulla pianta di un sogno, quello di una scuola migliore che a Coriano è già quasi realtà.