Coriano. In 1.550 per TEDxCoriano: sul palco di San Patrignano storie di coraggio, rinascita e cambiamento con 17 grandi speakers – In campo 60 volontari per la gestione dell’evento

Oltre 1.550 spettatori (inclusi quasi 425 studenti provenienti dalle scuole del territorio della provincia di Rimini), 60 volontari che hanno dato vita all’imponente macchina organizzativa, 17 speakers, 2 performers e 2 coaches: il tutto racchiuso nella cornice di una location unica, come quella della comunità di San Patrignano. Sono questi i numeri che certificano il successo dell’edizione 2019 di TEDxCoriano (il primo ad arrivare nella provincia di Rimini) andato in scena sabato scorso. Un successo che va al di là delle semplici statistiche e che trova riscontro anche nella qualità dei contenuti e dei temi portati sul palco portati dagli ospiti, provenienti sia dall’Italia che dall’estero, che si sono alternati per tutta la mattina e il pomeriggio. Un evento reso possibile grazie al lavoro di tantissimi volontari e grazie all’iniziativa degli imprenditori di Resilienza Territoriale (tra cui Davide Venturi, Paola Aronne, Alessandro Carrozzo, Francesca Capellini, Luca Braggion, Romano Ugolini, Pietro Maria Di Giovanni, Roberto Caporale), che dal 2018 opera a favore del territorio per la costruzione di un sistema economico e sociale basato sulla fiducia tra le persone, il supporto ai piccoli imprenditori, la creazione di nuovi posti di lavoro, lo sviluppo di una cultura imprenditoriale e il rafforzamento della coesione all’interno delle singole comunità. Un TEDx, quello svoltosi a Sanpa sabato scorso, impreziosito dalla partecipazione di centinaia di studenti che, accompagnati dai docenti, hanno portato una ventata di entusiasmo ed energia sul palcoscenico corianese.

Il commento dei protagonisti:

Romano Ugolini, vice presidente Resilienza Territoriale e organizer TEDx Coriano: “Ci tengo a ringraziare tutti gli speaker che hanno portato a Coriano la loro personale testimonianza: tutti loro, nel tempo limite di 12 minuti, sono stati in grado di regalarci emozioni e di trasmetterci insegnamenti che porteremo con noi a lungo. Sbalorditiva la performance di Paolo Ruffini, un vero fuoriclasse, ma tutti a loro si sono messi in luce. Un ringraziamento particolare va a Beth Misner, co-fondatrice di BNI, che ha affrontato tre voli in aereo per poter essere insieme a noi. I talk sentiti sabato mi sono rimasti scolpiti nel cuore e credo che mi sarà utile ripensare ad essi nei momenti di riflessione. I temi affrontati a San Patrignano sono stati i più disparati, da quelli più leggeri fino a quelli più profondi e commuoventi, ad esempio quello della lotta al cancro, che può essere affrontata anche con metodi non convenzionali. Tutti gli interventi, nella loro diversità, condividevano però lo stesso messaggio, quello del mind setting, del cambiamento di attitudine, del nostro punto di vista sulle cose, che spesso equivale a dare una svolta alla nostra vita. Preziosissimo il lavoro dei volontari, un esempio fortissimo del concetto di givers gain, senza dimenticare i nostri coaches, che hanno saputo preparare al meglio gli speaker”.

Paola Aronne, presidente Resilienza Territoriale e co – organizer TEDx Coriano: “Quello di sabato era il primo evento TEDx italiano completamente gratuito: l’obiettivo era quello di stimolare consapevolezza con il numero maggiore possibile di studenti e persone che non si possono normalmente permettere di partecipare ad eventi di questo genere. Perché la consapevolezza non ha prezzo, ed il futuro di ogni persona dipende da quello che comprende di se stesso e degli altri. Un evento del genere ha esattamente questo scopo e l’intento è stato raggiunto. Tantissime testimonianze e riconoscimenti privati stanno arrivando a noi organizzatori per i contenuti e l’impatto emotivo che ha lasciato nei partecipanti. Siamo tutti volontari/imprenditori e abbiamo deciso che vogliamo stimolare e potenziare l’ambiente in cui viviamo. Perché dove c’è benessere e consapevolezza c’è un maggior equilibrio sociale ed economico. Importantissimo il lavoro degli speaker coaches, Francesca Gammicchia e Claudio Russo”.

Francesca Capellini, curatrice dell’evento e responsabile operativa: “Un plauso al coraggio e alla generosità degli speaker, che hanno avuto la capacità di mettersi in gioco di fronte ad un pubblico di 1.500 persone, condividendo la loro storia. Il team dei volontari è stato, senza giri di parole, davvero superlativo. Il successo dell’evento non era affatto scontato e se oggi siamo qui a parlare di un grande risultato lo dobbiamo soprattutto a loro. Persone che non avevano mai lavorato insieme, ma che hanno passione, voglia di fare e sono allineate per quanto riguarda obiettivi e valori, possono portare a casa qualcosa di grande: noi lo abbiamo dimostrato a San Patrignano. Un ringraziamento sentito anche ai ragazzi della comunità, in prima linea insieme ai nostri volontari nella gestione di una manifestazione così complessa: non si sono risparmiati nemmeno per un secondo e dobbiamo essergli riconoscenti”.

Davide Venturi, responsabile dello sviluppo operativo: “Ho un provato un enorme soddisfazione dopo 12 mesi di lavoro nel vedere realizzato un progetto ambizioso che ha supero le più rosee aspettative. Ho sempre creduto, nonostante l’iniziale scetticismo di chi lavora con me, che 17 speakers in 8 ore di evento – insieme a due performers quali Sergio Casabianca e Lucio Gardin – avrebbero lasciato un’impronta indelebile nel cuore dei partecipanti. La soddisfazione raddoppia quando speaker affermati come Spadoni, De Benedetti e Misner mostrano gratitudine per aver condiviso con noi questa giornata ricca di emozioni”.

Alessandro Carrozzo, responsabile della regia e presentatore dell’evento: “A Coriano siamo riusciti a fare qualcosa di unico e grandioso. Non è facile mettere insieme un gruppo di persone capaci di lavorare in maniera sincronizzata verso un unico grande obiettivo. I volontari sono stati fenomenali, dando prova di un’organizzazione impeccabile e di una energia infinita. Ogni speaker ha saputo rendere onore al brand TEDx e al pubblico riunito per l’occasione a San Patrignano. Personalmente poter salire su quel palco e parlare di fronte a una platea così vasta è un motivo di autorealizzazione. Aiutare gli altri ad essere liberi è da sempre la ‘misssion’ della mia vita: un sogno incarnato alla perfezione dello spirito di TEDx”.

Davide Recchia, volontario e responsabile delle interviste: “Un evento davvero incredibile: il livello degli speakers era davvero elevato e ognuno di loro è riuscito a far breccia nel cuore di chi ascoltava. Sul palco sono state raccontate storie ‘controverse’: storie di persone che hanno avuto difficoltà, ma che poi sono riuscite a prendere in mano la loro vita e a fare di un problema una virtù, riuscendo a cambiare radicalmente prospettiva. Il tutto si è svolto in una location d’eccezione, quella di San Patrignano, che non ha eguali in Italia”.