Coriano. IL TAR RIGETTA LA RICHIESTA CAUTELARE CONTRO IL COMUNE DI CORIANO DI ROVERETA E PETROLTECNICA

Comune di Coriano

IL TAR RIGETTA LA RICHIESTA CAUTELARE CONTRO IL COMUNE DI CORIANODI ROVERETA E PETROLTECNICA

Il TAR Emilia-Romagna ha respinto l’istanza cautelare urgente in data 5 luglio 2019 con decreto del presidente del TAR con le seguenti motivazioni “… ad una prima ed inevitabilmente sommaria delibazione qual è quella unicamente consentita dai caratteri propri della presente fase cautelare d’urgenza, il ricorso risulta infondato in relazione al complesso delle censure in esso delineate. Rilevato altresì che la stessa prospettazione di una situazione di estrema gravità ed urgenza …, risulta contraddetta del comportamento processuale delle società ricorrenti, che hanno provveduto a notificare soltanto in data 1° luglio c.a. il presente ricorso ovvero l’impugnata ordinanza di demolizione notificata … sin dal 8 maggio c.a., nonché avverso l’impugnata ordinanza di divieto di utilizzo di immobili notificata … sin dal 28 maggio c.a.”Successivamente il TAR con ordinanza del 30 luglio 2019 ha respinto la domanda cautelare con le seguenti motivazioni “… ad un sommario esame, i motivi dedotti non appaiono supportati da sufficiente fumus bonis iuris (avuto riguardo alla sufficienza dell’istruttoria svolta dall’amministrazione e ai chiarimenti in replica riguardanti tutte le vicende intervenute nell’autorizzazione al trattamento dei rifiuti)”.La medesima ordinanza condanna le società al pagamento delle spese processuali.Domenica Spinelli (Sindaco): ”ringrazio gli uffici che con grande impegno in questi mesi si sono dedicati alla ricerca di una soluzione ottimale, nel rispetto delle norme, di questa complicata situazione e rinnovo i complimenti e i ringraziamenti all’Avv. Marco Perrone che segue a fianco dell’ente l’evolversi di tutti i passaggi con grande disponibilità e professionalità. Come preannunciato attendiamo ora, con massima disponibilità, la riconvocazione dei tavoli istituzionali al fine di far fronte al disagio che i dipendenti stanno affrontando e tutelare i loro posti di lavoro.”